La moretta di Vignola

La coltivazione della ciliegia nel territorio di Vignola ha origini antiche e molto radicate. L’eccezionalità delle condizioni pedoclimatiche della zona ha fatto sì che la pianta trovasse qui il suo ambiente ideale, diventando col tempo e grazie all’impegno degli agricoltori, la più importante realtà agricola. Numerosi documenti storici confermano che la pianta è presente, in…

La Panèda

La gastronomia povera, che ha caratterizzato il nostro territorio fino alla fine del secondo dopoguerra – volta soprattutto a riempire la pancia e a garantire la sopravvivenza quotidiana- ha lasciato tracce importanti nei manuali di cucina di storia locale. Fino alla metà dell’ 800 il pane della maggioranza era di colore scuro perchè preparato con…

Erbazzone: l’antenato del finger food

Anche detto “morazzone” (attribuibile al latino “moretum”, antica torta di erbette romana) o “scarpazzone” (perché nella preparazione le razdore utilizzavano anche il fusto bianco della bietola, detto appunto “scarpa”),  l’erbazzone vanta una antica tradizione.E’ un piatto di stagione che veniva cucinato da giugno a ottobre, periodo di crescita delle bietole. I primi a citare questa…

Riso e rane, un binomio perfetto

Bello e mutevole è il paesaggio delle risaie. Affascinante l’alba nebbiosa, come il rosso tramonto o la visione in una notte di luna piena; paesaggi che nascondono secoli, se non millenni di storia. Secondo alcuni studiosi, il riso sarebbe stato introdotto in Lombardia e Piemonte dalla Spagna e, attraverso la Francia, dai soldati di Carlo…

Neve per Carnevale?! si uccide il maiale!

A fornire un quadro della condizione sociale nella Carpi di febbraio a metà dell’800 è Domenico Guaitoli su il “Maldicente”, il quale scriveva: “Sai tu cosa significhi Carnevale per Carpi, o strega? No? Dirottelo io. Carnevali per Carpi significa un freddo diabolico che insulta il naso e fa ballare i denti; Carnevale significa brodo lungo,…